Pilota automatico e atterraggio

atterraggio



NEW >Sondaggio - Volo simulato

Partecipa al sondaggio




Per “avvicinamento” si intende tutta la procedura che inizia dalla fine di un eventuale STAR ( Standard Terminal Arrival Route – Rotta standard di arrivo), coincidente all IAF (Initial Approach Fix – punto di inizio dell’ avvicinamento), e che ormai sempre si svolge immettendo valori nel pilota automatico e mantenendo determinata altitudine (SCRITTA SULLE CARTE DI AVVICINAMENTO) per evitare ostacoli (montagne, antenne, alberi ecc).

L’ avvicinamento finisce al MAP (Missed Approach Point – punto di mancato avvicinamento), punto in cui si decide se proseguire l’ atterraggio o dichiarare un missed approach e attuare un go around per ritentare l’ atterraggio.

Nei pressi del MAP generalmente si disattiva il pilota automatico e il pilota tocca la pista manualmente: circa a 15 metri dal suolo si portano i motori al minimo, la flare si esegue a 9 metri dal suolo (questi parametri variano in base al tipo di aeromobile e altri fattori).

Il punto esatto in cui il pilota prende il controllo dipende da parecchie variabili che non sto qui a spiegarti (tipo di avvicinamento, situazione meteo ecc.)

 Per riassumere: l’ avvicinamento lo controlla il pilota automatico, l’ atterraggio il pilota.

Inviato da Saverio80


NEW >Sondaggio - Volo simulato

Partecipa al sondaggio



NEWSLETTER E NOVITA'!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere aggiornamenti sul mondo del volo simulato! Con l'iscrizione accetti la nostra Privacy Policy.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.