Angolo di attacco (AoA) e l’indicatore sul B737 default



I concetti fondamentali in aeronautica vengono spesso espressi con un linguaggio poco comprensibile e questo accade perchè ci troviamo in un ambiente tecnico fatto di formule matematiche, equazioni e leggi fisiche.

Il nostro compito, dato che ci occupiamo di volo simulato, è quello di spiegare i concetti in modo semplice ed immediato.

In questo articolo parliamo brevemente dell’angolo di attacco e del relativo indicatore presente su alcuni aeromobili in particolare sul B737 di default di Microsoft Flight Simulator.

In generale si può affermare che la portanza sviluppata, cresce all’ aumentare dell’angolo di attacco. Al di sotto di un certo valore, dipendente dalla forma del profilo alare, può generare una deportanza, sino a un valore massimo cui corrisponde un angolo detto angolo di stallo. Superato tale angolo si ha infatti una repentina caduta dei valori di portanza e l’aeromobile entra effettivamente in stallo.

Su alcuni aeromobili è presente un indicatore come quello dell’illustrazione sottostante:

angolodiattacco

L’indicatore ci permette di visualizzare l’angolo di attacco e di evitare così lo stallo.

Non dobbiamo confondere l’angolo di attacco con l'”angolo di calettatura. L’angolo di calettatura, ad esempio, può essere modificato nelle pale delle eliche di aeromobili come il BeechBaron 58 (eliche a passo variabile).

In questo aeromobile, infatti, la leva di colore blu indicata con il termine “prop” (propeller = elica), presente nel pannello motori, serve proprio ad incrementare o diminuire l’angolo di calettatura e permette quindi alle eliche di “avvitarsi nell’aria” con maggiore efficacia (e far quindi raggiungere una maggiore velocità all’aromobile a parità di densità dell’aria circostante).


Iscriviti alla nostra newsletter e unisciti agli altri 2426 iscritti! Con l'iscrizione accetti la nostra Privacy Policy.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.