Un segreto sull’atterraggio “a vista”

Spesso si dice agli allievi pilota che gli aerei atterrano sempre da soli (beh, insomma…quasi sempre!). Tutto quello che il pilota deve fare è condurre il velivolo verso la pista e giocare pigramente con l’acceleratore!

In effetti, nel momento in cui riusciamo a vedere la pista di atterraggio, non dobbiamo far altro che mantenerla, visivamente, appena al di sopra del cruscotto del nostro aereomobile e ci avvicineremo a lei inesorabilmente scendendo di quota con rateo costante.

Nella fase di atterraggio risultano fondamentali i 6 strumenti di volo che abbiamo visto nelle lezioni precedenti ma in particolare occorre tenere sott’ occhio: il Variometro e la Velocità.

Dobbiamo prestare attenzione che l’aeromobile scenda di quota con un rateo costante: il valore del rateo da mantenere ci viene indicato nelle
carte di navigazione, ma con l’esperienza, possiamo stimare noi il rateo di discesa adeguato applicando il trucco appena menzionato.

Potrebbe interessarti anche..
Il volo strumentale presenta varie fasi. In primo luogo, un pilota presenta un piano di
Per chi non conosce l'argomento, o per chi è alle prime armi, i termini NavAids
Per pianificare un volo a tavolino è molto importante cominciare considerando una situazione meteo preliminare,
Quando si desidera mettere un velivolo in modalità d'attesa, nei casi in cui l'area predisposta
Il termine EFIS (Electronic Flight Instrument System) indica un sistema di controllo dei parametri di

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*