Lo Yaw Damper – Dispositivo antimbardata (o Smorzatore d’imbardata)

dispositivo antimbardata

Il dispositivo antimbardata funziona mediante due “smorzatori” completamente indipendenti che possono essere usati singolarmente o simultaneamente. La funzione primaria del sistema è quella di rendere minima l’imbardata indotta fornendo un movimento automatico del timone proporzionato all’ammontare della forza subita.

Uno YD (YAW DAMPER) controlla il timone più alto, l’altro quello più basso. I seguenti hanno un accoppiatore associato che lavora come un sensore d’imbardata e un misuratore giroscopico. Il dispositivo antimbardata è quello che fornisce il necessario movimento del timone per opporsi e smorzare l’imbardata.

Il piegamento del timone è limitato a 5 gradi, questo per evitare che sia applicato tutto timone o a destra o a sinistra in caso di malfunzionamento del sistema stesso.

Lo smorzatore inferiore è alimentato elettricamente dall’ Essential Radio Bus, mentre quello superiore dal No2 Radio Bus.

Le due bandierine avvisatore nell’indicatore del timone e dell’elevatore, non sono visibili nel momento in cui i rispettivi smorzatori sono attivati. Molti aerei, all’interno di queste bandierine, hanno delle spie verdi che sono illuminate quando il sistema risulta attivo.

I controlli degli smorzatori sono associati al timone attraverso una valvola di trasferimento nell’unità di alimentazione del timone stesso. Lo smorzatore superiore utilizza il System B, quello inferiore il System A.

La perdita della pressione idraulica del sistema sfocia nella perdita di “accoppiamento” degli smorzatori. Se si incorre in questa perdita di pressione idraulica e risulta necessario disattivare questo sistema NON ci si imbatte in una situazione di emergenza.

L’unica operazione che occorre fare tra pilota automatico e YD è quella che quest’ultimo sia attivato prima che venga attivato il pilota automatico.

Versione originale tratta da:
http://www.boeing-727.com/Data/systems/infoyawdampers.html

Traduzione in Italiano a cura di Emanuele Mudu

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*