Glossario

Questo breve glossario contiene alcuni dei termini più utilizzati in ambito aeronautico. Le definizioni sono ordinate alfabeticamente.

A doppio comando
Indica il numero di insiemi di controllo di un aereo o il fatto che un pilota sta volando sotto la guida di un istruttore. Vedere anche pilota solista.

Abilitazione (rating)
Negli Stati Uniti, abilitazione aggiunta a un brevetto di volo che specifica le classi di aeromobili [monomotore terrestre, strumentale, plurimotore terrestre, elicottero e altri] su cui un pilota può volare e certifica se il pilota può operare come primo pilota quando le condizioni meteorologiche non soddisfano i requisiti minimi richiesti per operare seguendo le regole del volo a vista (VFR],

Abilitazione al volo strumentale
Abilitazione accessoria al brevetto di un pilota per certificare che il pilota stesso è in grado di assumere il comando di un aeromobile basandosi unicamente sugli strumenti di volo.

Acrobazie
Manovre di precisione come il tonneau a botte e il loop e altre manovre simili non necessarie durante i voli normali.

Alfabeto Aeronautico
Sviluppato negli anni ’50 dall’ICAO (International Civil Aviation Organization), ossia l’Organizzazione internazionale per l’aviazione civile, l’alfabetico fonetico radiotelegrafico venne ideato affinché tutti i piloti e gli operatori aerei non incorressero in problemi di comprensione. E’ chiamato anche “Alfabeto Fonetico NATO”. A volte viene erroneamente chiamato Alfabeto fonetico internazionale, che è invece l’alfabeto usato in linguistica.

Anche se è composto da parole inglesi, le lettere codificate possono essere riconosciute con facilità anche da chi parla un’altra lingua. L’alfabeto viene usato in Europa e nord America negli affari e nelle telecomunicazioni, tanto che anche la ITU (International Telecommunication Unit), l’Unione internazionale delle telecomunicazioni l’ha adottato.

Tabella contenente l’ Alfabeto Aeronautico con rispettiva pronuncia Inglese.

Al traverso
Un oggetto a fianco di un aeromobile è definito “al traverso” (abeam) dell’aeromobile stesso. Si tratta di una posizione relativa che crea un angolo di circa novanta gradi con l’asse longitudinale dell’aeromobile.

Alettoni
Superfici mobili di controllo, solitamente collocate presso l’estremità alare, che controllano il movimento di rollio di un aeromobile. Gli alettoni si spostano simultaneamente in direzioni opposte.

Aliante
Aeromobile senza motore che, a differenza di un deltaplano, è in grado di mantenere o aumentare la propria altitudine sfruttando le termiche o altre correnti ascensionali.

Altimetro
Strumento che visualizza i cambiamenti di pressione barometrica come mutamenti di altitudine dell’aeromobile rispetto al livello del mare.

Altitudine
Altitudine dell’aeromobile rispetto al livello di riferimento. L’altitudine sul livello del suolo (AGL, Above Ground Level] è l’altezza assoluta rispetto al suolo. Quella sul livello medio del mare (MSL, above Mean Sea Level] corrisponde all’altitudine rispetto al livello medio del mare.

AOA (Angolo di attacco, angle of attack)
Angolo formato tra la linea della corda alare e il flusso d’aria in arrivo, ovvero il vento relativo. L’angolo di attacco è relativo alla direzione in cui l’aeromobile si sta spostando e non all’angolo formato dall’ala con l’orizzonte.

Assetto
Orientamento degli assi dell’aeromobile in relazione all’orizzonte.

ATC (Controllo del traffico aereo, Air Traffic Control)
Rete di torri di controllo, di controlli di avvicinamento e di partenza e di centri di controllo di rotta concepita per assicurare un sicuro ed efficiente flusso del traffico aereo. La responsabilità principale dell’ATC consiste nel mantenere le distanze tra gli aerei operanti secondo le regole IFR [Regole del volo strumentale, Instrument Flight Rules). L’ATC fornisce, però, supporto anche agli aerei che operano seguendo le regole VFR (Regole del volo a vista, Visual Flight Rules}.

Aviazione generale (GA, General Aviation)
Termine utilizzato negli Stati Uniti per indicare l’aviazione non legata alle forze armate o al regolare servizio di linea. Esso comprende l’addestramento al volo, i voli charter, il volo da diporto e l’aviazione commerciale. Il termine viene inoltre utilizzato per indicare una vasta gamma di aeromobili non impiegati su linee aeree militari o di linea.

Avionica
Derivato da “aviazione” ed “elettronica” il termine fa riferimento ai dispositivi elettronici di comunicazione, navigazione e controllo del volo con cui è equipaggiato un aeromobile.

Baricentro
Sospendendo ipoteticamente un aeroplano con un cavo fissato nel suo centro di gravità, l’aeroplano rimarrebbe in equilibrio. Il baricentro è anche il punto di intersezione dei tre assi longitudinale, trasversale e verticale e il punto in cui si considera che agiscano le quattro forze fondamentali del volo: portanza, peso, spinta e resistenza.

Barra
Controllo di alcuni aeromobili che si trova in genere tra le ginocchia del pilota e viene utilizzato per controllare gli assi di rollio e di beccheggio. Ha la stessa funzione della cloche.

Beccheggio
Movimento di un aeromobile intorno al suo asse trasversale (prua verso l’alto o il basso) o angolo della prua di un aeroplano al di sopra o al di sotto dell’orizzonte.

Carrello di atterraggio
Ruote, montanti e altre dotazioni utilizzate da un aeromobile per atterrare o manovrare a terra.

Checklist
Elenco di procedure utilizzato da un pilota per controllare sistematicamente e impostare i sistemi di un aeromobile prima del decollo, dell’atterraggio e in caso di emergenza.

Circuito di traffico
Flusso di traffico prescritto per l’atterraggio e il decollo degli aeromobili da un aeroporto.

Classe (aeromobile)
In base ai criteri di classificazione degli aeromobili, è un gruppo di velivoli con caratteristiche di propulsione, volo o atterraggio simili.

Classe (pilota)
Classificazione di un aeromobile utilizzata sui certificati e sulle abilitazioni dei piloti. In questo senso, una “classe” comprende aeromobili con caratteristiche operative simili, ad esempio monomotore, a più motori, di terra, di acqua, elicotteri e così via.

Cloche
Dispositivo di controllo, simile a un volante, incluso nel pannello o montato su una colonna davanti al pilota. Consente al pilota di controllare l’aeromobile rispetto agli assi di rollio e di beccheggio. Ha la stessa funzione della barra.

Contagiri
Strumento che visualizza la velocità di rotazione del motore, espressa in giri al minuto.

Cosciale
Cartellina utilizzata nell’abitacolo per conservare mappe e altri documenti che devono essere a portata di mano del pilota. Questa cartellina viene a volte fissata alla coscia del pilota.

Equilibratore
Superficie mobile di controllo collocata sullo stabilizzatore orizzontale dell’impennaggio o della coda di un aeromobile. L’equilibratore, denominato anche timone di profondità, controlla solo l’assetto longitudinale dell’aeromobile, cioè l’inclinazione della prua al di sopra o al di sotto dell’orizzonte.

Esame di volo
Volo diretto da un esaminatore designato dall’autorità aeronautica di un Paese per verificare le capacità di un individuo prima del rilascio di un brevetto di pilotaggio.

FAA (Federai Aviation Administration)
Negli Stati Uniti, l’agenzia del governo federale responsabile per la regolamentazione e la promozione dell’aviazione.

Flap
Parte incernierata dell’ala di un aeroplano, generalmente sul bordo di uscita, che può essere inclinata verso il basso durante il decollo o l’atterraggio per aumentare la portanza e la resistenza dell’ala stessa.

FMS
Il Flight management system (FMS) è fondamentalmente un sistema di gestione del volo che viene installato sugli aeromobili moderni per ottimizzare i consumi e i parametri del volo, riportare costantemente informazioni inerenti alla navigazione e gli spostamenti dell’aeromobile, ma soprattutto per ridurre il carico di lavoro dei piloti che, grazie a tale sistema, possono esimersi dallo svolgere compiti di bassa routine per dedicarsi alla gestione pratica del volo. Tale sistema è costituito da 2 FMC (Flight Management Computer) normalmente collocati nel vano avionico sotto la cabina di pilotaggio e 2 MCDU (Multifunction Control Display Unit) che rappresentano l’interfaccia con il sistema, dal quale e verso il quale, avviene lo scambio di dati. (fonte Wikipedia)

Frame rate (velocità dei fotogrammi)
Nelle simulazioni informatiche, la velocità alla quale i fotogrammi successivi della simulazione vengono riprodotti sullo schermo. È analogo al passaggio dei fotogrammi di una pellicola cinematografica attraverso la fonte luminosa di un proiettore.

G
Misura del fattore di carico o gravità apparente sopportato da un aeromobile durante il volo. Un G rappresenta la forza di gravità esercitata su di un corpo a riposo. Quando un aeromobile sale, vira o cambia velocità, esso subisce la forza G; quando scende o decelera, subisce forze G negative.

Glass cockpit (cabina di vetro, lett.)
Termine utilizzato in riferimento alla sostituzione dei tradizionali strumenti dell’abitacolo con tubi catodici CCRT, Cathode Ray Tube) o schermi a cristalli
liquidi CLCD, Liquid Crystal Displays). Sugli schermi si trovano riuniti diversi strumenti, in modo che il pilota riesca a passare con facilità dall’uno all’altro per ottenere informazioni sulla navigazione e sui sistemi dell’aeromobile.

ILS (Sistema di atterraggio strumentale, fistrument Landing System)
Sistema di ausili alla navigazione e di luci di avvicinamento che fornisce un riferimento orizzontale e verticale a un aeromobile in avvicinamento alla pista.

IFR {Regole del volo strumentale, instrument Flight Rules)
Negli Stati Uniti, regole che si applicano ai piloti, agli aeromobili e alle operazioni con questi ultimi quando le condizioni meteorologiche non soddisfano i criteri per il volo a vista, quando l’aeromobile opera nello spazio aereo di classe A (altitudini pari o superiori ai 18.000 piedi o 5.486 m) o quando i piloti scelgono di operare nello spazio aereo controllato secondo tali regole indipendentemente dal tempo prevalente.

Imbardata
Movimento di un aeromobile intorno al suo asse verticale, con la prua che punta a destra o sinistra. Insieme al rollio e al beccheggio l’imbardata è uno dei tre movimenti fondamentali di un aeroplano. Lo stabilizzatore verticale e il timone sono progettati per controllare l’imbardata.

IMC (Condizioni meteorologiche strumentali, Instrument Meteorological Conditions)
Condizioni meteorologiche che impongono di operare secondo le regole del volo strumentale (IFR). Negli spazi aerei controllati degli Stati Uniti le condizioni IMC si hanno quando la base delle nubi è inferiore ai 1.000 piedi [300 m) e la visibilità in volo è inferiore a 3 miglia (5 km).

Inclinazione
Angolo formato dalle ali di un aeromobile rispetto all’orizzonte o rotazione rispetto all’asse longitudinale di un aeromobile.

Indicatore del sentiero di discesa
Sentiero elettronico di awicinamento proiettato come parte di un sistema di atterraggio strumentale o ILS (Instrument Landing System). I trasmettitori di sentiero di discesa, collocati vicino alla fine della pista, inviano segnali radio che formano il corretto percorso di discesa verso la pista. L’angolo del sentiero di discesa è impostato normalmente sui 3 gradi rispetto all’orizzontale.

SSA (Atmosfera internazionale standard, International Standard Atmosphere)
Standard arbitrario stabilito come riferimento per calcoli e utilizzato in meteorologia, aviazione e aerodinamica. Per ogni altitudine esiste una serie di condizioni standard. Al livello del mare le condizioni standard sono: pressione 1.013 millibar (29,92 pollici di mercurio) e temperatura di 15 °C.

Joystick
Nome assegnato talvolta alla barra utilizzata per controllare gli alettoni e gli equilibratori in alcuni aeromobili.

In Flight Simulator il termine “joystick” indica una periferica di input connessa alla porta giochi del computer e utilizzata per controllare gli alettoni e gli equilibratori. Il joystick di un computer può incorporare pulsanti e interruttori per controllare la manetta, il carrello di atterraggio, i flap e altre funzioni.

L/D massimo
Il massimo rapporto tra portanza e resistenza. È la velocità alla quale l’aeroplano percorrerà la maggiore distanza per una data altitudine a un dato peso. È nota anche come velocità di massima planata.

Livello di volo (FL, Flight Level)
La misura della quota utilizzata dagli aeromobili che volano oltre i 18.000 piedi (5.486 m). I livelli di volo sono espressi con tre cifre che rappresentano l’altitudine di pressione in centinaia di piedi. Un aeromobile in volo a 35.000 piedi si trova al livello di volo 350 (FL350).

Manetta
Comando che determina più direttamente la potenza sviluppata da un motore.

Manometro della pressione di alimentazione
Strumento di misurazione della pressione dell’aria all’interno del collettore di un pistone del motore. Questo strumento, di fatto un barometro calibrato, viene utilizzato insieme al tachimetro per determinare la potenza del motore. Gli aeromobili di dimensioni minori sono forniti di un solo tachimetro, mentre gli aeromobili più grandi e quelli che utilizzano eliche a giri costanti hanno più manometri della pressione di alimentazione.

Miglio nautico
Distanza di circa 1.852 m (6.076 piedi). Il miglio nautico è la lunghezza dell’arco di 1′ di grado misurato sull’equatore. In aviazione le distanze e le velocità sono misurate in miglia nautiche e in miglia nautiche all’ora (nodi).

N1
Velocità di rotazione del compressore a bassa pressione in un motore a turbina a doppia rotazione.

N2
Velocità di rotazione del compressore ad alta pressione in un motore a turbina a doppia rotazione.

Nodo
Vedere miglio nautico.

Numero di Mach
Rapporto tra la velocità di un aeromobile e la velocità del suono.

Osservatore
Vista di Flight Simulator che consente di visualizzare l’aeroplano che si sta pilotando come se ci si trovasse in un altro aeroplano che vola accanto al primo.

Pannello
Superficie su cui si trovano gli strumenti di volo dell’aeromobile e in cui sono installati gli apparati radio, simile al cruscotto di un’automobile. I velivoli di dimensioni maggiori dispongono in genere di più pannelli, a volte collocati ai lati o sul soffitto dell’abitacolo.

Peso
Una delle quattro forze fondamentali che agiscono su un aeromobile in volo. La portanza si oppone al peso, più propriamente la somma di tutte le forze rivolte verso il basso, che agiscono sempre direttamente verso il centro della terra.

Pilota automatico (autopilota)
Dispositivo che controlla automaticamente un aeromobile. Simile concettualmente all’analogo controllo presente su alcune automobili, nei modelli più semplici si limita a mantenere le ali livellate. Modelli più raffinati possono controllare il volo di un aereo da subito dopo il decollo per tutto il percorso, sino a completare automaticamente l’atterraggio.

Pilota solista
Volo durante il quale un solo pilota ha il comando dell’aeromobile. Vedere anche a doppio comando.

Portanza
Forza ascensionale prodotta da una superficie aerodinamica come un’ala che interagisce con l’aria. La portanza agisce in base ad angoli retti rispetto al vento relativo o al percorso di volo dell’aeromobile. La portanza, una delle quattro forze fondamentali nel volo, è compensata dal peso.

Prua
Direzione nella quale è puntato l’aeromobile, normalmente riferita al nord magnetico.

QDR
è l’angolo con cui la stazione rileva il velivolo rispetto al nord magnetico;
QTE
è l’angolo con cui la stazione rileva il velivolo rispetto al nord vero;
QDM
è l’angolo con cui il velivolo rileva la stazione rispetto al nord magnetico: QDR-180. In altre parole rappresenta la rotta magnetica da seguire per raggiungere, in assenza di vento, la stazione;
QUJ
è l’angolo con cui il velivolo rileva la stazione rispetto al nord vero: QTE-180. In altre parole rappresenta la rotta vera da seguire per raggiungere, in assenza di vento, la stazione

Radiofaro omnidirezionale WHF (VOR, Very High frequency Omnidirectional Range)
Trasmettitore radio terrestre che proietta 360 radiali. Alcune tra queste radiali definiscono le aerovie, ma i piloti possono seguire qualsiasi radiale per volare seguendo un percorso specifico al suolo.

Resistenza
Resistenza allo spostamento di un oggetto immerso in un fluido. La resistenza è una delle quattro forze fondamentali del volo e si oppone alla spinta.

Risoluzione dello schermo
Livello di dettaglio grafico visualizzato sullo schermo di un computer.

Rollio/tonneau
Rotazione intorno all’asse longitudinale di un aeromobile. Il tonneau è una manovra acrobatica nella quale un velivolo esegue una rotazione completa sul suo asse longitudinale.

Rotazione
Trazione a sé del volantino o della barra di controllo per alzare la prua dell’aeromobile durante la corsa di decollo.

Spinta
Forza di propulsione in avanti generata da un’elica o da un motore a reazione che sposta l’aeromobile attraverso l’aria. Una delle quattro forze fondamentali del volo, a cui si oppone la resistenza.

Spostamento rapido
In Flight Simulator, metodo per modificare rapidamente la posizione, direzione, collocazione o altitudine dell’aeromobile senza volare.

Stabilizzatore orizzontale
Superficie orizzontale della coda o impennaggio. Lo stabilizzatore orizzontale è una superficie aerodinamica che crea una forza verso il basso sulla coda allo scopo di equilibrare la forza verso l’alto generata dall’ala. Esso comprende anche l’equilibratore, la superficie di controllo utilizzata per regolare l’assetto longitudinale dell’aeromobile.

Stabilizzatore verticale
Superficie verticale della coda di un aeromobile, fissa sulla maggior parte degli aeromobili. Con il timone a esso collegato lo stabilizzatore verticale fornisce stabilità direzionale controllando il movimento intorno all’asse verticale o d’imbardata.

Stallo
Improvvisa perdita di portanza causata dall’interruzione del normale flusso regolare dell’aria sulla superficie superiore dell’ala. Lo stallo è un fenomeno aerodinamico indipendente dal motore e si verifica quando l’angolo di attacco di un’ala raggiunge un valore specifico, detto angolo di attacco critico.

Strumenti di volo principali
Sei strumenti disponibili nel pannello standard: l’anemometro, l’indicatore di assetto, l’altimetro, il virosbandometro, l’indicatore di prua e il variometro.

Supersonica
Velocità superiore alla velocità del suono, pari cioè, o superiore, a Mach 1.

Timone
Superficie mobile di controllo normalmente montata sullo stabilizzatore verticale della coda. Il timone sposta l’aeromobile intorno al suo asse verticale o asse di imbardata.

Il timone non fa virare l’aeroplano. È usato principalmente per equilibrare le forze durante le virate e per controbilanciare i movimenti di imbardata indotti dall’elica durante il volo.

Utilizzo del trim
Regolazione di una superficie mobile su una superficie di controllo, normalmente l’equilibratore, per alleviare la pressione sui controlli di volo. Il trim si rende necessario in quanto al variare della velocità di un aeromobile, cambia la quantità d’aria che scorre sulle superfici di controllo. Senza trim il pilota sarebbe costretto a mantenere la pressione o la trazione sul volantino o sulla barra di controllo per mantenere una velocità specifica o uno specifico assetto longitudinale. Gli aeromobili più grandi dispongono di trim anche sugli alettoni e sul timone.

Velocità
La velocità con cui un aeromobile si sposta attraverso l’aria circostante. I piloti considerano varie velocità durante il volo, ad esempio la IAS (Velocità indicata, Indicated Air Speed) che è la velocità misurata dallo strumento (anemometro), solitamente espressa in nodi. La CAS (Velocità calibrata, Calibrated Air Speed) è la IAS corretta dell’errore strumentale e di installazione. La TAS (Velocità reale dell’aria, True Air Speed) è la IAS corretta in base alla temperatura e alla pressione atmosferiche. La GS (Velocità al suolo, Ground Speed) dell’aeromobile è la TAS corretta tenendo conto del vento contrario o in coda.

Velocità dei fotogrammi
Nelle simulazioni su computer indica la velocità alla quale vengono visualizzate le immagini successive della simulazione. Esse sono simili ai fotogrammi di un film che passano attraverso la fonte di luce di un proiettore.

Velocità indicata in nodi (KIAS, Knot Indicated Airspeed)
Indica la velocità misurata in nodi. Vedere anche velocità.

Velocità V (di riferimento)
Utilizzate dalla FAA per designare le velocità nel corso di condizioni di volo specifiche.

VFE – velocità massima con i flap estesi
VLE – velocità massima con il carrello esteso
VLO – velocità massima per il funzionamento del carrello
VMO – velocità operativa limite massima
VNE – velocità da non superare mai
VNO – velocità massima normale operativa (velocità massima in aria turbolenta]
V1 – velocità di decisione: oltre questa velocità potrebbe risultare impossibile fermare l’aereo sulla pista nel caso di interruzione del decollo (RTO, Rejected TakeOff).
V2 – velocità minima di decollo di sicurezza: è la velocità di sicurezza minima di volo nel caso di piantata di un motore.
Vr – velocità di rotazione (vedi la voce “Rotazione”)

VFR (Regole del volo a vista, Visual Flight Rules)
Il “codice della strada” che regola il volo quando la visibilità e la copertura delle nubi consentono ai piloti di navigare evitando ostacoli e altri aeromobili mediante riferimenti visivi.

Virata standard
Virata di 3 o 1,5 gradi al secondo. Gli aeromobili di picole dimensioni utilizzano solitamente uno standard di 3 gradi al secondo, che conduce a una virata di 360 gradi dopo 2 minuti. Gli aeromobili più grossi e veloci utilizzano solitamente uno standard inferiore, che conduce a una virata di 360 gradi in 4 minuti. I piloti utilizzano la virata standard durante il volo secondo le regole del volo strumentale (IFR, International Flight Rules), poiché essa fornisce un’indicazione regolare, affidabile e di facile controllo.

VMC (Condizioni meteo per il volo a vista, Visual Meteorological Conditions)Condizioni meteorologiche che consentono il volo seguendo le regole del volo a vista (VFR).

Volo lento
Volo alla velocità minima controllabile di un aeromobile.

Volo rettilineo livellato
Come nel numero di un equilibrista, il volo rettilineo livellato richiede correzioni piccole e graduali per impedire all’aeroplano di oscillare. Per eseguire un volo di questo tipo, è necessario mantenere un’altitudine e una prua constanti.

VOR (Radiofaro omnidirezionale VHF, Very high frequency Omnidirectional Range)
Trasmettitore radio terrestre che proietta 360 radiali. Alcune tra queste radiali definiscono le aerovie, ma i piloti possono seguire qualsiasi radiale per volare seguendo un percorso specifico al suolo.

2 Commenti

  1. Io aggiungerei l’alfabeto aeronautico.
    Alfa! Bravo, Charlotte ecc.
    Utile nelle comunicazioni audio con la torre.
    Ciao
    Grazie

  2. Non ho problemi a percorrere una Sid però rullare su una pista con i dati forniti dalla Atc di Ivao mi è veramente impossibile. Cosa mi sfugge? Mi potete essere d’aiuto? Grazie.

I commenti sono bloccati.