Al decollo: V1 VR V2

decollo

La velocità di decollo non è sempre uguale e cambia ogni volta in base all’aeromobile utilizzato, al carico, alle condizioni climatiche ed atmosferiche, all’elevazione della pista e ad altri fattori.

Durante la fase di decollo vi sono 3 velocità da raggiungere a cui corrispondono determinate azioni:

V1: questa è la velocità di decisione. Al di sotto di questa velocità possiamo ancora decidere di fermare la corsa. Superata questa velocità occorre, per forza di cose, procedere con il decollo: cercare di fermare l’aeromobile ad una velocità superiore alla V1 potrebbe risultare molto pericoloso e con tutta probabilità, l’aeromobile,  potrebbe rischiare di finire fuori pista, o al peggio, provocare un incidente fatale.

Vr: questa è la velocità di “rotazione”. Raggiunta questa velocità dobbiamo tirare dolcemente verso di noi la “barra” (in pratica la cloche) al fine di sollevare il muso dell’aeromobile ed iniziare il decollo vero e proprio, quindi, se il rateo di salita è positivo, si chiudono i carrelli per acquistare maggiore velocità.

V2: questa è la velocità di sicurezza raggiunta la quale possiamo continuare la salita anche nel caso in cui uno dei due motori dovesse guastarsi. Su alcuni aerei è presa anche come riferimento per retrarre i flaps.

 

Nei moderni aeromobili il compito di calcolare le velocità di V1, Vr, e V2 viene affidato a  dispositivi come l’FMC. In genere il copilota, durante la fase di decollo, annuncia vocalmente al pilota il raggiungimento delle rispettive velocità.

Commenta questo articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*